Piattaforma interdipartimentale di microscopia

sparks 2 Microscopia UNIMIB BtBs

La Piattaforma Interdipartimentale di Microscopia ha lo scopo di riunire sotto un’unica struttura i servizi interdipartimentali di microscopia ottica ed elettronica. Presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca sin dal 2004 è attivo un servizio di microscopia elettronica che nel 2007 è confluito nella Piattaforma di Microscopia.

La Piattaforma nasce dalla collaborazione dei Dipartimenti di:

La sede della Piattaforma di Microscopia è ubicata presso gli spazi riservati al piano -2 dell’edificio U3 in piazza della Scienza 2.

La Piattaforma di Microscopia offre la possibilità di usufruire del servizio a tutto il personale dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e di altre Università, al personale afferente ai centri di ricerca pubblici per le loro attività istituzionali, nonché al personale dei centri no-profit. L'accesso al microscopio è anche aperto ai privati nella forma di ricerca commissionata. Tutte le prestazioni sono regolate da un regolamento e da un tariffario.

Strumentazione

La microscopia elettronica
Microscopia UNIMIB

Per quanto riguarda la microscopia elettronica gli strumenti allocati sono i seguenti:

  • Microscopio FEG (SEM-FEG) Gemini 500 Zeiss completo di sistema microanalisi QUANTAX EDS 4000, EBSD e STEM
  • Microscopio Focused Ion Beam (FIB) QUANTA200 3D FEI
  • Microscopio elettronico a scansione (SEM) in pressione variabile Tescan VEGA TS 5136XM, equipaggiato con microanalisi EDAX
  • Microscopio elettronico a trasmissione (TEM), tensione di accelerazione massima 110kV (strumento disponibile presso il Dipartimento di Scienze dell'Ambiente e della Terra)

La microscopia elettronica equipaggiata con sonda EDX consente:

-l'analisi 'morfologica' di un campione a ingrandimenti molto più elevati di quelli consentiti dalla microscopia ottica, con un contrasto elevatissimo. In questo modo e mediante diversi accorgimenti, quali, ad esempio, la possibilità di utilizzare gli elettroni secondari o quelli 'backscattered', è possibile analizzare il campione in 3D, esaltando le componenti di superficie o di volume delle porzioni osservate.

-analizzare gli elementi chimici presenti in ogni punto del campione in osservazione, anche facendo 'mappature' di elementi chimici in zone più o meno grandi.

Il microscopio a trasmissione (TEM) permette di raggiungere risoluzioni ancora più elevate del SEM ma richiede un’opportuna preparazione del campione da analizzare.

La microscopia ottica
microscopio ottico UNIMIB

Per quanto riguarda la microscopia ottica nella piattaforma di microscopia è allocato il Microscopio confocale Nikon A1R.

Grazie al microscopio ottico confocale Nikon A1R, con possibilità di scansione classica (galvanometrica) e Resonant (per acquisizioni ad elevata risoluzione temporale), è possibile eseguire l’imaging di strutture biologiche isolate o in situ, con notevole miglioramento del contrasto e della risoluzione spaziale rispetto alle tecniche di microscopia ottica classica.

Il microscopio è inoltre dotato di fotocamera per acquisizioni in epifluorescenza e di un microincubatore per misure sperimentali con controllo di CO2 e temperatura.

Responsabile del servizio

Prof. Maurizio Acciarri (maurizio.acciarri@unimib.it)

Pagina web: in costruzione

Tariffario disponibile sulla pagina web

Per prenotare il servizio contattare:

Paolo Gentile (paolo.gentile@unimib.it)

Tiziano Catelani (tiziano.catelani@unimib.it)